L'articolo è stato pubblicato il: 25 giugno 2015

Il Caffé Letterario Pordenone, perfetta unione di cultura ed eccellenze a chilometri zero

CATEGORIE: Blog

Il Caffè Letterario è un’istituzione a Pordenone e lo scorso 27 maggio ha riaperto le porte dopo circa otto mesi di stop con un team giovane ed entusiasta, pronto ad affrontare nuove sfide: il progetto di Irma Casula, del fratello Giorgio e di Elena Ceolin è infatti risultato il vincitore del bando che il Comune di Pordenone ha aperto circa un anno fa, con lo scopo di assegnare i nuovi gestori a questo bar-ristorantino, ormai punto di riferimento per molti eventi culturali e personaggi di spicco del territorio pordenonese.

caffe letterario pordenone 2

Il processo di passaggio e rilancio dell’attività è stato seguito, attraverso il Progetto Imprenderò, dalla sede di Pordenone di IAL Fvg: Irma e Giorgio, infatti, avevano intrapreso il percorso di formazione nell’ambito del passaggio generazionale per l’impresa di famiglia, l’azienda agricola Beverella di Fiume Veneto (Pn). Nel frattempo, saputo dell’uscita del bando, nei tre si è fatta strada l’idea di poter realizzare un progetto che da parecchi mesi frullava loro in testa, considerato che Giorgio, che proviene dal mondo della Scuola Alberghiera, ha varie esperienze precedenti nell’ambito della gestione di attività commerciali, mentre Irma ed Elena provengono dal mondo della comunicazione e della gestione di eventi culturali. In quel periodo Irma era disoccupata, da mesi in cerca di occupazione, e grazie al tempo a disposizione e alla sua esperienza nella scrittura di progetti, si è messa subito al lavoro confezionando un progetto che ha saputo rispondere bene alle esigenze del Comune, ottenendo l’affidamento dell’attività.

Abbiamo chiesto a Irma di raccontarci la storia che l’ha portata a diventare imprenditrice di se stessa:

>> Qual è il punto chiave su cui ruota il vostro progetto di rilancio del Caffè Letterario di Pordenone?

Il focus del rilancio è la valorizzazione del locale come punto di eccellenza non solo e non tanto nell’offerta alimentare, quanto soprattutto come luogo in cui esprimere la cultura, attraverso una programmazione poliedrica di eventi che non sono solo l’incontro con l’autore, ma anche momenti di scambio e interazione nel mondo dell’imprenditoria, del sociale, del volontariato, dell’infanzia. Cultura, insomma, a 360 gradi facendo anche molta rete con i principali attori e interlocutori del territorio.

caffe letterario pordenone 1>> Quali sono le motivazioni che ti hanno portato a valutare la fattibilità di rilanciare il Caffè Letterario?

Innanzitutto il locale si trova in una delle piazze più belle di Pordenone, inoltre si tratta di un locale storico conosciuto da tutta a comunità pordenonese da anni. Per me si è trattata di una grande opportunità, non solo come sbocco occupazionale, ma anche e soprattutto come possibilità di ricominciare con un progetto che da diverso tempo maturava nella mia testa e che successivamente è stato condiviso anche da mio fratello Giorgio ed Elena. La possibilità poi di poterci suddividere il lavoro è stato un altro fattore chiave molto importante: mentre io e Giorgio ci dividiamo l’attività della somministrazione di cibo e bevande, ossia di fatto stiamo dietro al bancone, Claudia, l’altra sorella, si occupa di tutta la parte di logistica, gestione magazzino e fornitori. In questo modo io e mio fratello abbiamo modo di poterci occupare anche delle altre attività collaterali, ma fondamentali, per mandare avanti il locale: Giorgio segue anche la parte amministrativa, mentre io mi occupo del marketing e degli eventi.

>> Da quale bisogno o aspirazione nasce la tua idea di impresa?

Come detto l’idea mi frullava in testa già da un po’ di tempo, soprattutto vista la difficoltà di trovare un impiego ho iniziato a pensare che l’unico modo per trovare una soluzione fosse di creare qualcosa in modo autonomo, mettersi in gioco e costruirsi un proprio lavoro. Ho dedicato tutto me stessa alla progettazione della nuova proposta di questo locale, passando da momenti di grande entusiasmo ad altri di scarsa convinzione e forse anche un po’ paura. Il fattore che secondo me ci ha portati a vincere l’appalto è stata la grande convinzione in quello che volevamo fare e l’aspirazione a riportare l’eccellenza a Pordenone, facendo diventare il Caffè Letterario il focus vivo di un dibattito, forse sopito, relativo al meglio non solo nell’offerta di cibo di qualità a chilometri zero, ma anche nell’offerta culturale in collaborazione con associazioni, artisti, educatori, letterati.

>> Qual è oggi l’insidia più pericolosa da cui l’imprenditore deve guardarsi bene, se vuole ottenere successo?

Non voglio cadere nei soliti luoghi comuni, ma purtroppo devo confermare che la burocrazia in Italia è un ostacolo che a volte sembra insormontabile. Quello che mi lascia perplessa è il fatto che sebbene uno segua alla lettera le indicazioni di un ufficio (qualsiasi ente esso sia!), di fatto poi si viene a scoprire, spesso per caso, che si dovevano fare anche altre cose, lungo quell’iter burocratico, e comunque nessuno te lo ha detto e i tempi sono sempre lunghissimi.

Ecco perché è importante non farsi mai prendere dallo scoramento, cercando di essere il più possibile ottimisti: l’ideale, per mia esperienza, è spezzare il proprio obiettivo a pezzetti, in modo che ogni giorno sia possibile conquistare un piccolo tratto della meta prefissata.

caffe letterario pordenone 3>> Quali sono le persone che hanno ricoperto un ruolo importante nella tua scelta imprenditoriale?

Senz’altro la mia famiglia, sono loro che mi sono stati vicini e ci hanno sempre creduto, sia per la decisione presa, sia per la possibilità di farcela. Hanno capito le intenzioni mie e di mio fratello, dandoci supporto fisico e morale, anche nei momenti più difficili. Sappiamo che la strada dopo la riapertura del locale sarà in salita, non è facile far ripartire un’attività commerciale dopo 8 mesi di chiusura, ma sappiamo che la strada è quella giusta.

>> Cosa ha rappresentato Imprenderò per l’avvio della tua impresa? 

Imprenderò è stata una bella scoperta: uno degli ostacoli maggiori per chi avvia un’impresa all’inizio sono i molti costi di avvio, legati ad esempio al commercialista e alle pratiche burocratiche, ma anche per un consulente di marketing e comunicazione che possa supportare la promozione dello startup d’impresa. Personalmente ho trovato consulenti disponibili e competenti, che mi hanno arricchita e che hanno saputo trasferirmi conoscenze che sto mettendo tuttora in pratica. Non ho potuto seguire il corso di formazione, ma ho frequentato quasi tutti i seminari da 8 ore che sono stati per me estremamente formativi, spesso anche su campi in cui non avevo alcuna conoscenza.

>> Talento, creatività, visione e azione: quanto possono incidere sulla buona riuscita di un’idea imprenditoriale?

Tutti e quattro i fattori sono determinanti per la buona riuscita di un’impresa. La visione è importantissima, si deve avere un’aspirazione, un punto di riferimento verso cui muoversi per dare una direzione a quello che si sta facendo e migliorare quotidianamente il proprio operato in virtù dell’obiettivo da raggiungere. La creatività è l’arma vincente: nel nostro caso di bar è senz’altro piena la città, il successo sta nel perseguire la differenziazione e nel saperla raccontare agli altri. Il talento va coltivato con costanza, perché si può avere la migliore intuizione del mondo, ma senza determinazione, coraggio e pazienza non si va da nessuna parte. Il talento va anche innaffiato, con la formazione, con la collaborazione e con la buona volontà.

Il Caffè Letterario di Pordenone si trova in Piazza della Motta, 2 e segue questi orari di apertura: da lunedì a giovedì 7.30 – 14.30 e 18.00 – 21.00, venerdì e sabato 7.30 – 14.30 e 18.00 – 23.00. Giorno di chiusura: domenica.

Puoi seguire gli eventi e le attività organizzate dal Caffè Letterario di Pordenone attraverso la Pagina Facebook e il profilo Twitter del bar. A luglio sono in programma tre eventi interessanti: giovedì 2 luglio un aperitivo-evento dal titolo “IMPRESA POSSIBILE | Storie di successo a km zero”, giovedì 16 una degustazione di birra e formaggi e mercoledì 29 un concerto di Bossa.

di Sara Tortelli

instagram

Sorry:
- Could not find an access token for pinalex89.
Guarda le altre foto con l'hashtag #imprenderoFVG

facebook

Vai al profilo Facebook

Twitter

Follow Me on Twitter

Vai al profilo Twitter
loghi finanziatori
© 2017 Imprenderò — Privacy Policy